Eugenio Siragusa forum

Facebook

Eugenio Siragusa forum

Eugenio Siragusa forum


    Incontri ravvicinati e fenomeni extraterrestri

    Condividere
    avatar
    Filippo Bongiovanni
    Amministratore
    Amministratore

    Messaggi : 114
    Data d'iscrizione : 08.07.11
    Età : 57
    Località : Floridia

    Incontri ravvicinati e fenomeni extraterrestri

    Messaggio  Filippo Bongiovanni il Ven Ott 21, 2011 11:31 am

    Trasmissione canale 5 del 19 ottobre 2011 "Mattino 5"
    http://www.video.mediaset.it/video/mattino_5/full/253612/mercoledi-19-ottobre.html#tf-s1-c1-o1-p1
    Dal minuto 51:23 fino alla fine...

    La congiura del silenzio prima e da un po di tempo anche quella del discredito, vogliono necessariamente mettere a tacere e ricodilizzare,il più grande evento di questo tempo.
    Gli ospiti in studio lasciano veramente molto a desiderare, se si considera l'importanza del fenomeno, che per gli studiosi seri e più attenti non lo è più, ma una solida e chiara realtà, che ci sta anticipando il compiersi di tutti gli eventi degli ultimi tempi pronosticati.
    Andrebbe solo, e si salva di questa trasmissione,approfondita l'esperienza della signora Marina Tonini, ma non ha ritenuto prendere le distanze da tutti questi "LUMINARI"del nulla, credo facendosi condizionare,che promuovono solo libri di bassa qualità informativa, per ricavarne qualche spicciolo e lasciando nella confusione più totale chi vuole saperne di più...Il "pinocchio"..Pardon Il Dott.Pinotti noto agente del discredito,che continua a promuovere tesi,cercando di ribaltare solide realtà e in passato come nel presente ha infangato il buon nome di illustri personaggi,per esempio EUGENIO,che SENZA NULLA CHIEDERE IN CAMBIO, hanno pronosticato in tempo utile, proprio attraverso MESSAGGI, INSEGNAMENTI e CONSIGLI ricevuti da questi Esseri provenienti da altri mondi più evoluti di noi, di come l'umanità ancora potrebbe uscirne fuori degli annosi problemi che la travagliano, se li mettesse in pratica. Saranno gli stessi, probabilmente come quelli della Sra Tonini che dice di ricevere e diffondere, ma che molto prima EUGENIO, si era preoccupato di far conoscere a tutta l'umanità.Di cosa vivrebbe il Pinotti, se lui fosse il primo che dicesse veramente tutto quello che conosce di questa realtà.!? Che cosa doverebbe più vendere, se non ci fosse ancora da creare confusione ed inganni.!? Lo stesso per Maurizio Baiata,noto ufologo e collaboratore di un po di tutti particolarmente del Dott. Malanga sostenitori inizialmente della teoria dei "rettiliani" e poi non potendo cavarci nessun quattrino,si sveglia che è stato rapito dai grigi, che non conosce nemmeno in ambito di contatti che ruolo occupano, ma si però utili alla causa di poter sfornare qualche volume e creare ancora confusione...Come proprio lui,che criticava i "CONTATTISTI", ora si scopre o si riscopre che lo è,anche a buon profitto per ricavarne un po di notorietà. Ho letto del Baiata,l'intervista che fece ad EUGENIO, in occasione per diffondere e approfondire certi aspetti delle esperienze vissute da EUGENIO e per chiarire certi aspetti,che daranno l'inizio a tante altre cose che si definiranno e chiariranno della necessaria e indispensabile separazione di EUGENIO da Giorgio...E proprio con lui, c'era stata anche inizialmente, una proficua iniziale collaborazione. Mi piacque quel pezzo,ma non sapevo e credo neppure lui lo sapesse, che sarebbe diventato "contattista".Così come di un'altro cialtrone, che si vede nel filmato di presentazione dell'argomento, Maurizio Cavallo cresciuto e pasciuto,come altri vicino ad EUGENIO,non si ricorda e ancora peggio, fa finta non nominandolo nemmeno,di dire chi gli ha aperto gli occhi a queste realtà. Allora solide,poi quando lui è diventato "contattista" è stato come diciamo in sicilia un asino fatto mulo, sferrando il calcio a chi lo ha convertito. Tutti "contattisti" e meno male, perché esiste una bella differenza con i CONTATTATI... EUGENIO è stato il PATRIARCA di questa ultima categoria, molto ma molto selettiva...A differenza della prima, i CONTATTATI, sono loro a disposizione degli Esseri di Luce e non il contrario...Questi della categoria "CONTATTISTI" aspettano che succeda prima o poi qualcosa.Come gli "URZI", noti appostatori alla corte di Giorgio Bongiovanni, che stanno interminabili ore aspettando di fare fotografie o filmare quello che in realtà non è quello che credono che sia...Nella maggioranza dei casi troviamo buste fosforescenti e anche qualche bottone di abbigliamento...E il buon "Pinocchio",il Dott.Pinotti come altre volte ho affermato, lo sa molto, molto bene. Il resto dei presenti, non li cito nemmeno, perché non sono nemmeno presi in considerazione,come li definisco io "TESTARDI INCREDULI", che ironizzano su tutto quello che per forza di cose non deve esistere, per questo "TESTARDI INCREDULI". Non esiste,punto e basta.!! Tra questi,però lo credo più intelligente,il Dott.Alessandro Cecchi Paone ,che dietro tutta questa chiusura, potrebbe celarsi una buona dose di paura,se qualcuno gli dimostrasse, che veramente ci sono prove inconfutabile,chiare e concrete e di previsioni dimostrabilissime riconducibili ai CONTATTATI. Dovrebbe cambiare tutto il suo status vita...Chi sarebbe disposto a farlo.!?

    FENOMENI CELESTI?

    Parliamone un po'!

    Non sono affatto “fenomeni”; sono i chiarissimi segni dei tempi che annunciano all'umanità qualcosa di imprevedibilmente funesto se si continuerà a travalicare una legge che sovrasta tutto,uomini compresi.
    Sono e rimarranno “fenomeni” inspiegabili per quanti non vogliono ricordarsi di quanto è stato detto, scritto e tramandato da chi ebbe l'autorità di affermare la volontà suprema che presiede il regno dei cieli e della terra : “Tutto ciò che ho detto succederà prima che questa generazione passi”. Cosa potrebbe succedere?
    Vagliando attentamente l'attuale, perniciosa involuzione del genere umano e le conseguenze tragiche che essa produce, non si può intuire quanto di funesto può scatenarsi, mettendo in serio pericolo la sopravvivenza della specie umana vivente su questo pianeta. I “segni dei tempi” sono un chiaro invito al ravvedimento affinchè il dare e l'avere normalizzino la inderogabile armonia tra le forze creanti e quelle create, tra il divino e l'umano, tra l'imponderabile ed il ponderabile.
    Se venisse meno il “sì” a questo invito, rimarrebbe all'umanità una pallida speranza di sopravvivenza. Questo vogliono significare i “fenomeni celesti”.

    Un amico dell'uomo
    Eugenio Siragusa
    Nicolosi, 21 Dicembre 1985




    UN DISCORSO CHE NON SI E' POTUTO FARE IERI


    “Io ho ancora cose assai a dirvi, ma voi non le potete ora portare..!”GIOVANNI 16-12/13


    Il discorso che non si è potuto fare allora, si fa oggi. Un discorso che gli uomini di questo tempo sono in grado di percepire, di intendere. Avvenimenti che si possono ben classificare, oggi più che ieri, per cresciuta capacità di vederci chiaro attraverso le moderne conquiste tecnologiche e scientifiche. Avvenimenti che concedono a tutta l'umanità di questo pianeta il reale fascino di una vecchia realtà , coperta da un velo di mitologia e di fantastiche storie inserite nei culti religiosi di tutti i popoli della Terra.
    Una verità che ha accompagnato l'uomo di questo mondo sin dalle sue origini.
    Forse o senza forse, questo è il discorso che il Maestro dei maestri non fece a suo tempo per l'immaturità, l'incapacità altrui di intendere gli alti concetti multidimensionali dello spirito e delle sue manifestazioni. E' certo che nemmeno gli apostoli lo avrebbero capito! Ora, il discorso non fatto allora viene alla ribalta, con tutti gli annessi e connessi, con tutti i segni, le manifestazioni e gli elementi di una scienza e di un tecnica impensabile più che fantascientifica.
    Le turbe, le luminose nuvole, i carri di fuoco non furono affatto visioni mistiche, deliri religiosi o mitomanie. Erano gli stessi oggetti che oggi appaiono in tutti i cieli del mondo e che si definiscono “U.F.O.”, dischi volanti, sigari, globi luminosi ecc..,ecc...
    Sono sempre loro :” I Pionieri del Cosmo”, gli artefici della vita intelligente, i creatori della forma e della sostanza, gli esseri incontrastati della multidimensionalità,i manipolatori della luce,i reggenti dell'intelligenza onnicreante o Spirito Santo.
    Un discorso che dovrebbe far seriamente e responsabilmente riflettere capi di stato, capi religiosi e popoli della terra.
    Un discorso avallato da tangibili prove in terra e in cielo. Un discorso che ammonisce, che invita al ravvedimento prima che sia troppo tardi, prima che l'irreparabile avvenga.
    Segni che non si discostano tanto da quelli verificatisi prima e durante l visitazione di Gesù-Cristo. Il discorso che portiamo non è nostro! Di nostro non vi è nulla, tranne l'accettazione incondizionata di portarlo a conoscenza degli uomini. Di nostro vi sono l'ubbidienza e la coscienza di sapere chi sono, da dove vengono e cosa vogliono.
    Nicolosi, 2 agosto 1985
    ore 11:30
    Eugenio Siragusa


    Foto eseguita dall'operatore del C.S.F.C il Sig. Antonio Giannuzzi
    nel 1975. La foto è stata sottoposta ad ingrandimenti particolari dell'Aeronautica Militare Italiana. La foto fu dichiarate autentica e fu eseguita sotto particolare indicazione di Eugenio Siragusa.













    Ultima modifica di Filippo Bongiovanni il Ven Gen 27, 2012 12:32 am, modificato 4 volte
    avatar
    Filippo Bongiovanni
    Amministratore
    Amministratore

    Messaggi : 114
    Data d'iscrizione : 08.07.11
    Età : 57
    Località : Floridia

    Incontri ravvicinati e fenomeni extraterrestri

    Messaggio  Filippo Bongiovanni il Mar Nov 01, 2011 5:33 am

    Giacinto vive a Campobasso, ha visto la trasmissione di mattino 5 nella rete Mediaset.Lo hanno colpito le esperienze della Sra Marina Tonini, soprattutto dei viaggi che avrebbe fatto con questi Esseri a bordo dei loro mezzi e portata in alcuni pianeti. Mi ha chiesto se anche Eugenio avesse vissuto esperienze di questo tipo e dove...

    Così ho risposto...

    http://www.edicolaweb.net/nonsoloufo/luna_ner.htm
    IL SOGNO DI ARRIVARE SULLA LUNA Prof.Costantino Paglialunga


    Dal Libro del Dott.Victorino del Pozo "L'Annunciador" (Presto anche e come sempre GRATUITAMANTE la versione in italiano)

    VIAGGIO INIZIATICO SULLA LUNA NERA

    Uno dei viaggi fondamentali e non soltanto nel senso astrale, ma fisico, fu il suo viaggio alla Luna Nera, ricevuto come viaggiatore in una astronave di più di 600 m. di larghezza, guidata dall' Extraterrestre Woodok. FOTO 3
    Gli Stati Uniti preparavano il lancio dell'Apollo XI, che avrebbe portato i primi astronauti sulla Luna. Secondo dati che lo stesso Siragusa aveva in suo possesso, già avevano tentato anteriormente detta impresa e l'avevano espletata con gravi incidenti, senza che fosse data conoscenza al pubblico.
    In un certo modo, il viaggio iniziatico di Eugenio Siragusa alla Luna Nera in una Cosmonave aveva un significato parallelo.
    Gli scienziati della terza dimensione preparavano il loro viaggio spaziale guidato che avrebbe iniziato la conquista degli spazi esterni del Pianeta.
    Le guide di Quarta Dimensione avvicinavano i loro mezzi, la loro scienza e il loro sentimento generoso della conoscenza, attraverso uno dei loro operatori, in un viaggio di tipo iniziatico che marcava un nuovo tempo nel “Programma Generale” e anche nel programma specifico del fondatore del Centro Studi Fratellanza Cosmica.
    Come le altre volte, Eugenio Siragusa ricevette una chiara indicazione telepatica di partire il giorno seguente per un incontro fisico nella Valle delle Aquile,(FOTO 5) una valle non lontana dai punti dove aveva avuto i precedenti incontri fisici con i piloti di Cosmonavi.
    Nella comunicazione telepatica, gli era stato detto anche che questa volta non si sarebbe incontrato con il solito disco di 12 m. di diametro, ma con una Cosmonave di oltre 500 m. di longitudine. All'ora esatta del giorno indicato, Eugenio Siragusa si trovava nella Valle delle Aquile. Si era fatta sera e regnava un'assoluta solitudine. Quando Eugenio vide l'astronave rimase tranquillo, più tranquillo delle altre volte. La nave si fermò ad una distanza di un tiro di pietra, in una vicina zona deserta, Eugenio si avvicinò in quella direzione.La nave gli sembrò enorme. Senza apparenza reale di apertura, in uno dei laterali si fece un buco e cominciò ad emergere una scala che si distese fino a terra. In quel momento fece la sua apparizione uno degli Extraterrestri con cui si era incontrato in altre occasioni e gli fece segno di salire. L'astronave vista da vicino, aveva un'altra colorazione. Penetrò in una specie d'alone che era andata variando dal giallo azzurrognolo al verde smeraldo. Si sentiva una sottile vibrazione, nell'interno dell'astronave gli diede il benvenuto il comandante, di nome Woodok, con cui aveva avuto precedenti contatti.
    Immediatamente si ebbe la partenza. Il signor Siragusa non sentì che una lieve pressione. Per seguire il viaggio lo avevano seduto in una sedia anatomica, apparentemente di cuoio o plastica. Il sedile era disegnato per permettere il riposo della colonna vertebrale, lasciando completamente libera la cassa toracica, terminando con un poggia testa.(FOTO 1)
    Nell'interno della nave vi erano spaziosi corridoi che davano a dei compartimenti. Qualcuno di questi compartimenti erano laboratori spaziali, altri erano comodi dormitori con letti anatomici.Il signor Siragusa poté conoscere due dei compartimenti fondamentali della nave: il compartimento di analisi e controllo di volo e il compartimento dove si trovano i controllori di volo. Nel primo vi erano grandi quadri luminosi cartografici, pannelli luminosi che mostravano le linee magnetiche della Terra e lo spazio, enormi televisioni che mostravano immagini della zona che si trovava sotto e che si stava sorvolando. Molti di questi pannelli avevano enormi (zooms) che permettevano di avvicinare ed allontanare le immagini a volontà per avere una visione di lontananza o vicinanza desiderata. Il compartimento dei controlli possedeva un apparato che chiamò imperiosamente l'attenzione del signor Siragusa : una specie di televisione quadridimensionale o globulare, che riceveva e proiettava immagini, incluso della stessa nave e lo stesso interno durante il volo.
    Eugenio Siragusa si vide proiettato sullo schermo televisivo, come se il filmato fosse stato fatto da un'altra nave. Dal suo sedile anatomico poteva seguire il volo, le immagini e le incidenze sulla televisione globulare. In un secondo, vide la Terra della grandezza di un pallone da gioco. Il viaggio era cominciato alle 20,30 ora solare. Sette minuti più tardi,la nave arrivò sulla Luna Nera. La Luna Nera, secondo definizioni dello stesso Eugenio Siragusa, è un satellite artificiale che la scienza ha localizzato molto bene. Fa abitualmente il percorso della Luna a Venere e ritorno. Il suo obbiettivo preciso è di mantenere la Luna nella sua orbita e di evitare il suo avvicinamento e l'urto con la Terra. La traiettoria del Satellite si realizza descrivendo un otto fra la Luna e Venere, Moon-Mafa, secondo il grafico aggiunto.(FOTO 2)
    La Luna Nera, nel suo interno era un'autentica città fluttuante, una città meravigliosa, di sogno. Un gruppo di donne salutarono il nuovo viaggiatore, fra di loro c'era un terrestre, che anche lui era arrivato dalla Terra. Eugenio Siragusa s'incontrerà nuovamente con lui in Italia. Era un meccanico nato a Bologna, chiamato Luciano Galli.
    Eugenio Siragusa fu condotto in un grande salone a forma di ferro di cavallo, brillante, come se fosse tappezzato con placche d'argento. Attorno alla parete c'erano una serie di nicchie cristallo...In queste, seduti in stato di sdoppiamento controllato, stavano i corpi di numerosi Esseri. Telepaticamente, domandò che significava quello, chi erano. La risposta fu: Si tratta di fratelli in missione sul Pianeta Terra. Per noi lo sdoppiamento controllato è come per voi il sogno. Possiamo spostarci sulla Terra e ritornare. Sulla Terra realizziamo questo lavoro astrale sei milioni di esseri dello spazio. Gli è permesso fino ad 80 anni. Dopo debbono tornare, la vita media di uno di noi è di 1200 anni terrestri.
    Eugenio Siragusa domandò mentalmente per l'origine della Luna.
    La risposta fu questa : La Luna è, al contrario di quello che credono gli scienziati terrestri, tanto giovane quanto la Terra. La Terra, come la Luna e le altre due Lune scomparse, nacquero con il Sistema Solare dall'esplosione di una stella supernova. Gli altri due satelliti s'infransero in epoche diverse sopra il Pianeta Terra, distruggendo i Continenti MU e ATLANTIDE. La Luna è abitata da 175000 anni, giusto al tempo in cui la Confederazione Interstellare mise lì le sue prime basi.
    Non è consigliabile abitare sopra la superficie lunare, perché il nucleo centrale Igneo – Cosmico del satellite è in continua contrazione, con perdita di massa. I crateri lunari, non sono dovuti alla caduta di meteoriti o impatti, ma al vuoto che la perdita di massa della superficie provoca, causando cedimenti imprevisti. In più, la superficie della Luna è sottomessa tremendi rantoli dovuti all'influenza degli oceani terrestri. Gli scienziati russi vollero scoprire questi segreti e gli astronauti perdettero la vita per questo.
    Quando il colloquio fu terminato, la nave riprese nuovamente il viaggio di ritorno. In totale, Eugenio Siragusa aveva percorso 470000 Km e il viaggio era durato esattamente due ore e venti minuti. Il tragitto era stato TERRA-LUNA NERA-TERRA.
    Alcuni giorni dopo dell'atterraggio dell'Apollo XII, il 28 Luglio 1969, il C.S.F.C, rese pubblico, per la prima volta, un comunicato che faceva riferimento a un viaggio incrociato di navi terrestri ed Extraterrestri.
    Il comunicato era firmato da Adoniesis e diceva così : “ Il giorno 21 Dicembre 1968 partiva verso la Luna dalla Terra, la nave Apollo VIII con tre astronauti a bordo che fecero il primo giro intorno al satellite. Quel medesimo giorno, partiva da Venere con direzione la Terra, una grande astronave. Questo gesto vuole essere una simbolica ma reale espressione dell'unità Fraterna fra Terrestri ed Extraterrestri. A più di 4000 m, sotto la superficie della crosta lunare, l'uomo del Pianeta Terra può trovare gli elementi necessari per la sopravvivenza. Per la naturale funzionalità della struttura biofisica dell'uomo, è possibile trovare sotto la superficie lunare elementi (ossigeno, pressione e acqua ) che gli sono indispensabili in quantità sufficiente per permettervi una lunga permanenza senza la necessità di fare uso di scafandri, bombole d'ossigeno e complicati vestiti spaziali. Attualmente, la scienza terrestre non è in grado di poter conoscere le particolari condizioni in cui si trovano i corpi Celesti quando hanno perso una considerevole massa del nucleo Igneo – Cosmico. E' anche verità che la scienza terrestre non conosce la radicale mutazione che si produce nell'anello magnetosferico quando inizia il progressivo assorbimento verso il centro di ogni massa del corpo Celeste.Questo assorbimento dell'anello magnetosferico verso il centro, è dovuto alla perdita progressiva di massa del nucleo Igneo-Cosmico. Tale assorbimento, oltre a provare la compenetrazione degli elementi atmosferici sopra il piano fisico, produce anche una modificazione sostanziale delle forze coesive della materia in una conseguente contrazione di tutte le masse verso il centro. Le nostre basi spaziali, istallate da millenni sopra il vostro satellite, si trovano nell'emisfero lunare invisibile della Terra. Le zone che offrono maggior sicurezza per un allunaggio sono quelle che voi chiamate sulla Terra : “ Mari “.


    http://www.banchedati.ilsole24ore.com/doc.get?uid=sole-SS20090925008BAA
    L’articolo dettagliato del SOLE24ORE Data: 25-09-2009

    “MESSAGGIO DA PARTE DELLO SCIENZIATO EXTRATERRESTRE ADONIESIS”

    A tutti gli scienziati e studiosi del pianeta Terra. Adoniesis(FOTO 4)mi ha pregato di divulgare quanto appresso comunico: "È vero che a circa 600 metri sotto la superficie della crosta lunare, l’uomo del Pianeta Terra troverà gli elementi necessari per la sua sopravvivenza". Adoniesis mi ha detto ancora: Per la naturale funzionalità delle strutture biofisiche dell’uomo, è possibile rintracciare sotto la superficie lunare quegli elementi (ossigeno,pressione,acqua)i quali sono disponibili in quantità sufficiente per operare ivi una lunga permanenza senza bisogno di fare uso di scafandri, scorte di ossigeno e complicate tute spaziali. Ancora la scienza terrestre non è in grado di poter conoscere le particolari condizioni in cui si vengono a trovare i corpi celesti, quando questi hanno perduto una considerevole massa del loro nucleo igneo-cosmico. È ancora vero che la scienza terrestre sconosce il radicale mutamento che si produce nell’anello magnetosferico quando questo subisce il progressivo assorbimento verso il centro di tutta la massa del corpo celeste.L’assorbimento dell’anello magnetosferico verso il centro è dovuto alla perdita progressivadella massa del nucleo igneo-cosmico. Tale assorbimento, oltre a provocare la compenetrazione degli elementi atmosferici sul piano fisico, produce pure una modifica sostanziale delle forze coesili della materia e una conseguente contrazione di tutta la massa verso il centro. Quelle perfette figure geometriche che sono visibili sulla superficie lunare e che sulla Terra chiamate "crateri" altro non sono che coni provocati da sprofondamenti causati dal deterioramento delle numerose caverne esistenti nel substrato della crosta lunare. Spesso succede che la contrazione della massa igneo-cosmica subisce delle fortissime oscillazioni dovute alle linee magnetiche di notevolissima intensità che si sviluppano tra l’emisfero visibile del vostro satellite e le vaste superfici degli oceani che periodicamente offre il geoide del vostro pianeta. Tali oscillazioni producono movimenti sismici di vaste proporzioni, con conseguente uscita di gas in superficie e sprofondamenti. Sono questi gas a provocare alcuni crateri a forma cupolare e a produrre estese lingue di fuoco, alcune delle quali ben visibili dalla Terra. Le nostre basi spaziali installate da millenni sul vostro satellite, si trovano nell’emisfero lunare visibile dalla Terra. Le zone che offrono maggior sicurezza sono quelle superfici che sulla terra chiamate "mari". In queste zone vi sono scarse possibilità di sprofondamenti per la particolare natura degli elementi che ne compongono la superficie e le strutture interne del substrato della crosta, particolarmente pressata dalle citate linee magnetiche.

    EUGENIO SIRAGUSA 25 luglio 1969


    FOTO 1


    FOTO 2


    FOTO 3 IL COMANDANTE WOODOK


    FOTO 4 ADONIESIS


    FOTO 5 ETNA ERUZIONE 1992 VICINO QUESTA ZONA SI TROVA LA VALLE DELLE AQUILE
    Eugenio ha visto un volto in quest'immagine...Quello della Terra..

    FOTO 5 BIS ALTRA INQUADRATURA

      La data/ora di oggi è Mar Nov 21, 2017 7:32 pm