Eugenio Siragusa forum

Facebook

Eugenio Siragusa forum

Eugenio Siragusa forum


    Paolo Attivissimo: Siamo soli o no nell’Universo? E’ una domanda profonda e nobile

    Condividere
    avatar
    aryale1985
    Moderatore
    Moderatore

    Messaggi : 117
    Data d'iscrizione : 25.12.10
    Età : 32
    Località : Palermo

    Paolo Attivissimo: Siamo soli o no nell’Universo? E’ una domanda profonda e nobile

    Messaggio  aryale1985 il Mer Gen 25, 2012 10:29 am


    In Svizzera non si è sempre neutrali, anzi si litiga, e per giunta sugli alieni. Questo emerge da una diatriba nata sul portale TicinoLive tra Candida Mammoliti presidente del Centro ufologico della svizzera italiana e Paolo Attivissimo, amato e odiato blogger antibufala. Tutto nasce da una dichiarazione della Mammoliti a Ticino Live: “Da 6-7 anni una disinformazione caotica ci mette in difficoltà, come anche il Cicap, il Comitato italiano per il controllo delle affermazioni sul paranormale – fondato da Piero Angela per motivi privati, che ha preso piede anche in Ticino con Paolo Attivissimo quale presidente.Cosa controlli il Cicap in verità rimane poco chiaro, ma siamo stati ripetutamente ed ingiustamente attaccati e diffamati dai suoi membri, senza che ci conoscessero. In sostanza non abbiamo nulla in comune con loro, l’ufologia non è una questione paranormale.” Parole non condivise da Paolo Attivissimo, che interviene su Ticinolive per dare il suo punto di vista. Un’intervista curata da Francesco De Maria.
    Signor Attivissimo, cosa risponde alla signora Mammoliti, presidente del CUSI?
    Paolo Attivissimo: Il CICAP Ticino non desidera partecipare al gioco della polemica fra studiosi; è un approccio non costruttivo che svilisce un argomento affascinante e importante come l’ufologia.
    Quanto detto dalla signora Mammoliti è smentito dalla serenità dei confronti pubblici fra CUSI e CICAP Ticino fino a questo punto. Mettere in discussione le idee è indispensabile per il progresso dell’ufologia, ma purtroppo in questo campo molti confondono la critica con l’offesa personale. A mio parere, la domanda se siamo soli o no nell’Universo è troppo profonda e nobile per sporcarla con battibecchi personali.

    Ci presenti il CICAP, il Centro italiano per il controllo delle affermazioni sul paranormale. Quali sono le sue attività in Ticino?
    PA: I membri del CICAP Ticino mettono a disposizione di chiunque le proprie competenze ed esperienze nello studio dei fenomeni insoliti e nella verifica delle affermazioni su questi fenomeni.
    Come il paranormale, anche l’ufologia è afflitta da molti fenomeni ingannevoli che hanno spiegazioni normali – a volte purtroppo anche truffaldine – e che è indispensabile smascherare e scartare.
    Questi fenomeni seguono schemi molto simili nel paranormale e nell’ufologia, che sono quindi temi molto più affini di quel che si potrebbe pensare. Senza volersi sostituire a nessuno, il CICAP Ticino offre informazioni e metodi tecnici che permettono a chiunque di non scambiare, per esempio, un lancio abusivo di lanterne cinesi per uno stormo di veicoli extraterrestri. Vogliamo semplicemente togliere di mezzo lo spiegabile per concentrarci sull’inspiegabile.
    Quanto vale l’enorme quantità di testimonianze sugli Ufo?
    PA: Queste testimonianze sono troppo variegate e significative per poterle incasellare brutalmente con un numero.
    Il punto di vista del CICAP Ticino è che in un campo così importante come l’ufologia è rischioso accontentarsi della sola testimonianza senza supporto di elementi concreti. Sono troppo alte le possibilità di autoinganno in buona fede (interpretazione errata di fenomeni normali ma insoliti e poco noti) e di frode (si pensi al video della presunta “autopsia aliena”, rivelatasi un falso che ha fruttato milioni).
    Del resto milioni di persone hanno testimoniato di folletti, fantasmi e streghe, ma questo non significa che queste creature esistano veramente.
    C’è chi ritiene che le testimonianze ufologiche siano sufficienti e il CICAP Ticino rispetta quest’opinione ma non la condivide.
    A nostro parere, per dire che abbiamo visite extraterrestri le testimonianze non bastano: servono prove concrete, robuste, inattaccabili, che finora non ci sono.

    Si è mai misurato con la signora Mammoliti in un dibattito pubblico?
    PA: Sì. Ricordo con piacere il confronto televisivo con la signora durante la trasmissione Contesto della RSI, nel settembre del 2010. Sarei lieto di ripetere l’esperienza.
    Ritengo che la discussione serena delle idee, senza preconcetti, sia indispensabile per la crescita dell’ufologia. Purtroppo non tutti sono disposti a mettere in discussione le proprie opinioni.

    Si è imbattuto in un caso ufologico che fosse incontrovertibile, probabile oppure plausibile?
    PA: Finora no, se per “caso ufologico” intendiamo avvistamenti o contatti con veicoli o esseri extraterrestri.
    Se invece intendiamo possibili segnali di altre civiltà, sì, qualcosa di plausibile c’è. Per esempio, il 15 agosto 1977 un radiotelescopio della Ohio State University captò un segnale che aveva tutte le caratteristiche di un’origine extraterrestre artificiale. Il segnale non si ripeté, nonostante molti tentativi di captarlo di nuovo e furono escluse tutte le possibili fonti terrestri.
    Inoltre l’astronomia, proprio in questi mesi, sta portando conferme di un numero immenso di pianeti nella nostra galassia. Stiamo parlando di centinaia di miliardi, e di galassie come la nostra ce ne sono, nell’Universo, centinaia di miliardi.
    Pensare che il nostro pianeta sia l’unico abitato è da tempo un’idea scientificamente inverosimile. Ma da qui a dire che veniamo visitati dagli extraterrestri senza che lascino mai prove chiare della loro presenza, il passo per la scienza e per il buon senso è molto lungo. Speriamo che queste prove, prima o poi, emergano.

    Come vede, dal di fuori, il mondo dell’ufologia, popolato da tanti fedelissimi e convintissimi cultori?
    PA: Io e i membri del CICAP Ticino non ci riteniamo “al di fuori” dell’ufologia. Anzi, collaboriamo con il Centro italiano studi ufologici, tanto da tenere conferenze congiunte (come al Festival della Scienza di Genova nel 2010).
    E ci tengo a sottolineare che per quanto vi siano molte persone che si lasciano entusiasmare facilmente da immagini sgranate e racconti inquietanti, nell’ufologia vi sono anche molte persone che hanno un approccio cauto e rigoroso.
    Come loro, anche noi mettiamo passione nel nostro lavoro d’indagine e non lasciamo che la voglia di credere o negare a tutti i costi ci porti fuori strada. Nonostante ci sia chi ci etichetta come negazionisti ottusi, siamo in realtà scettici allegri: saremmo ben contenti di vedere, finalmente, prove indiscutibili dell’esistenza di vita extraterrestre.
    In attesa di quel momento, le indagini sugli eventi ufologici ci permettono di scoprire e condividere gli altri fenomeni naturali altrettanto affascinanti che spesso stanno dietro i presunti avvistamenti.

    Fonte: ufoonline.it


    _________________
    Poiché veramente vi dico: Se avete fede quanto un granello di senape, direte a questo monte:\'trasferisciti da qua a là\', ed esso si trasferirà e nulla vi sarà impossibile!


    Tra la nostra anima e il nostro corpo ci sono tante piccole finestre, da lì, se sono aperte, passano le emozioni, se sono socchiuse filtrano appena, solo l\'amore le può spalancare tutte insieme e di colpo, come una raffica di vento.
    avatar
    Filippo Bongiovanni
    Amministratore
    Amministratore

    Messaggi : 114
    Data d'iscrizione : 08.07.11
    Età : 56
    Località : Floridia

    Paolo Attivissimo: Siamo soli o no nell’Universo? E’ una domanda profonda e nobile

    Messaggio  Filippo Bongiovanni il Gio Gen 26, 2012 10:30 pm

    http://www.eugeniosiragusa.com/t1285-incontri-ravvicinati-e-fenomeni-extraterrestri
    Incontri ravvicinati e fenomeni extraterrestri

    Qualche mese addietro,ho commentato quello che su una nota trasmissione televisiva, aveva mandato in onda, e che fra i propri ospiti aveva questi illustri personaggi del discredito.
    "TESTARDI INCREDULI", che ironizzano su tutto quello che per forza di cose non deve esistere, per questo "TESTARDI INCREDULI". Per loro non esiste, punto e basta.!!
    Questa è la classica metodologia, che avendo qualche noto personaggio fra le loro quinte,si eleggono porta bandiera, di svolgere un servizio al proprio prossimo, di aiutarlo a non cadere in inganni e facili credenze. Certo, scoprire che un cavallo o un asino non vola come il noto "contattista" dei miei stivali Antonio Urzi e chi gli sta davanti Giorgio Bongiovanni, volevano farci credere tutto il contrario, mescolando il sacro con il profano, non abbiamo bisogno del CICAP, o altre invenzioni indiavolate, per dedurlo.Però da qui, per servirsi come trampolino di lancio che sono accorti e vigili su tutto e che comunque non esiste nulla è veramente da limitati. Questi illustri e meno illustri personaggi,come abbiamo detto, lavorano nell'occulto e fanno il gioco di trarre loro totalmente nell'inganno tutti coloro che facilmente condizionabili, si fanno spegnere nel proprio interiore, l'acceso desiderio che ci sia una "FORZA IMPONDERABILE CHE CI SOVRASTA". Non starò ad elencare una lista, con dei casi, per smontare questi incalliti agenti del discredito, la bibliografia della presenza sulla terra da parte di "ESSERI CHE VEDONO IL VOLTO DI DIO PIU' VICINO DI NOI"(Padre Pio), è così vasta che potrebbe fare andata e ritorno dal sole verso il pianeta plutone. Ma richiamerò all'attenzione con un discorso logico, conciso e concreto.
    La nostra società in tutto quello che ci coinvolge, ha dei punti di riferimento che rappresentano attraverso la propria responsabilità il condurci verso un destino.Per esempio scegliamo l'astronauta,il migliore, dove noi abbiamo riposto fiducia, ci dirà e dove potrà, ci svelerà tutto quello che dobbiamo sapere sullo spazio e sugli astri. Dovrà passare i test più difficili per avere credibilità e competenza. Così per gli scienziati nelle varie discipline,così politici che eleggiamo per il destino dei propri popoli ed ecc...Gli saranno affidati beni per infinite quantità economiche in valuta per essere investiti e gestiti e quindi arrivare a delle concrete conclusioni. In definitiva, sono loro che rappresentando tutti, scelti fra i migliori, faranno andare nel migliore dei modi, le cose secondo il loro andamento. Ebbene tra tutte queste figure, sappiamo che quello che dicono dovrebbe essere così. Ed è attraverso queste, che ci sono state delle esperienze dirette e indirette o riportate, perché dovevano fare a loro capo, della presenza sulla terra di mezzi che solcando i nostri cieli, di un'aviazione elettromagnetica non terrestre, proveniente dagli spazi esterni, e che in alcuni casi ben precisi, i loro piloti hanno contattato anche l'uomo.Sarebbe contraddittorio non crederli, o ignorare all'evidenza quello che è tangibile.
    I casi esistono e sono documentabili, quanto basta da far piegare i più duri di collo che si ostinano a rifiutare quello che è evidente. L'apertura a credere deve essere saggia e consigliata,e non fine a se stessa verso la totale incredulità, tinta dall'arroganza che come se la cellula del dito piccolo del piede dicesse a se stessa con presunzione che non esiste nessuno all'infuori di lei. Come dire che esisto solo io e non c'è nessuno quando ci sono 7 miliardi di esseri umani.
    Durante tutti questi anni di studi, ho incontrati molti di questi personaggi, che rispondono alle caratteristiche sopra esposte, e che hanno fatto le considerazioni, però in senso opposto, dell'interrogazione della nostra cellula del piede dopo aver vissuto o saputo di particolari esperienze o fatti. Tocca a noi ora assumerci le responsabilità di crederci.


    Churchill et les ovnis : un secret longtemps bien gardé
    http://videos.tf1.fr/jt-20h/churchill-et-les-ovnis-un-secret-longtemps-bien-garde-6030845.html


    ufo in belgio(rai uno)




    L'FBI AMMETTE: GLI UFO SONO DI ORIGINE MULTIDIMENSIONALE
    http://mikeplato.myblog.it/archive/2011/04/14/l-fbi-ammette-gli-ufo-sono-di-origine-multidimensinoale.html


      La data/ora di oggi è Mar Lug 25, 2017 8:49 am