Eugenio Siragusa forum

Facebook

Eugenio Siragusa forum

Eugenio Siragusa forum


    La Finlandia blocca le vaccinazioni per l’influenza dopo che sono risultate causa di un disturbo neurologico

    Condividere

    jackcorso
    Member
    Member

    Messaggi : 1
    Data d'iscrizione : 15.07.10

    La Finlandia blocca le vaccinazioni per l’influenza dopo che sono risultate causa di un disturbo neurologico

    Messaggio  jackcorso il Ven Set 03, 2010 7:40 pm




    Dopo la campagna di vaccinazioni H1N1, i casi di narcolessia nei bambini sono schizzati del 300%.

    L’Istituto Nazionale finlandese per la Salute ed il Benessere (THL), ha bloccato la somministrazione del vaccino H1N1 per timore che sia collegato con l’aumento, negli ultimi 6 mesi fra bambini e giovani, del 300% di casi di narcolessia - un disturbo neurologico.

    La notizia è certo scoraggerà altri genitori dal vaccinare i propri figli nei prossimi mesi, dato che ora il vaccino contro l’influenza suina è combinato con quello contro l’influenza di stagione. «Un recente sondaggio della Rasmussen ha evidenziato come il 52% degli americani sia preoccupato circa la sicurezza dei vaccini» ora che si avvicina l’inizio delle scuole e che a molti bambini ed adolescenti sarà richiesto di vaccinarsi prima di iscriversi.

    La narcolessia è un disturbo neurologico che può essere scatenato da un virus. «Un paziente che soffre di narcolessia può cadere addormentato di colpo, per esempio, mentre sta parlando o mangiando e senza il minimo preavviso. Anche i muscoli possono indebolirsi di colpo, causando un collasso improvviso. Non esiste una cura nota per tale disturbo», così riferisce il sito web finlandese di informazioni YLE.

    Martedì, l’Istituto Nazionale finlandese per la Salute ed il Benessere (THL), ha raccomandato di sospendere le somministrazioni del Pandemix nelle vaccinazioni contro l’influenza suina, fino a che non sia stabilito se il vaccino sia o meno la causa della crescita esponenziale di casi di narcolessia fra i bambini e gli adolescenti, così riferisce l’Helsingin Sanomat, il più diffuso quotidiano finlandese.

    La narcolessia è un disturbo molto raro, ma in Finlandia, dall’ultimo dicembre, sono comparsi 15 casi fra bambini ed adolescenti.

    «C’è una evidente correlazione temporale fra tali casi e la vaccinazione anti-suinica», così riferisce l’Helsingin Sanomat. Un numero altrettanto grande ed inatteso di casi di narcolessia è comparso anche in Svezia, nell’immediatezza della vaccinazione anti-suinica.

    Pekke Puska, direttore generale del THL, ha detto che il blocco sarà operativo finchè non sarà stata adeguatamente studiata la correlazione fra questi vaccini e la narcolessia.

    Secondo Kari Lankinen, capo dell’Istituto Medico Finlandese, i dottori sono stati complici nel nascondere il collegamento fra la somministrazione del vaccino contro l’influenza suina e lo hanno fatto per avanzare nella propria carriera.

    Lankinen sospetta, quale ragione del silenzio, che i dottori fossero «preoccupati per la propria carriera professionale» - per esempio per la pubblicazione di propri articoli sulle riviste mediche internazionali. (Infatti) «quei medici che hanno effettuato nei mesi scorsi le osservazioni in oggetto, ora lavorano per l’HTL, così riferisce YLE.

    Complessivamente, almeno 750 finlandesi hanno sperimentato effetti collaterali dannosi quali conseguenza della vaccinazione, stando all’Helsinki Times.

    La notizia di maggiori effetti collaterali nel dopo campagna-vaccinazioni dovrebbe inviare un altro segnale di allarme ai genitori di tutto il mondo, genitori che potrebbero aver programmato la vaccinazione autunnale dei propri figli.

    «Sia la FDA che l’OMS hanno raccomandato che l’inoculazione dell’H1N1 sia incorporata nella vaccinazione per l’influenza stagionale, ed i dipartimenti alla salute di tutta America ed Europa ricombineranno i due vaccini insieme».

    Come già riferito all’inizio di quest’anno, l’indagine del presidente del sub-comitato per la salute, presso il Consiglio d’Europa, Wolfgang Wodarg, sulla esplosione dell’influenza suina nel 2009, ha scoperto che l’allarme pandemia era una truffa messa a punto dalle ditte farmaceutiche in combutta con l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità), ditte che hanno tratto enormi profitti dal danneggiare la salute pubblica.

    Wodarg ha detto che i governi sono stati «minacciati» da gruppi che tutelano interessi propri e risiedono sia all’interno dell’industria farmaceutica che dell’OMS, perchè tali apparati comperassero i vaccini ed li iniettassero la propria popolazione senza la minima specifica ragione scientifica per farlo.

    Nonostante ciò, in alcuni Paesi quali Germania e Francia, solo un 6% della popolazione si è vaccinata - e benchè ci fossero scorte per vaccinare il 90% della popolazione.

    Wodarg ha detto che «non esiste altra spiegazione» per quanto successo se non che l’OMS abbia agito in combutta con l’industria farmaceutica per montare il panico necessario a produrre grandi guadagni e concorda con Alerx Jones che è stata tutta una montatura ed una truffa.

    Ha anche spiegato come le autorità sanitarie fossero «già in attesa che succedesse qualcosa» da prima che iniziasse la pandemia per poi sfruttare il virus a proprio vantaggio.

    Il Professor Ulrich Keil, direttore del World Health Organization’s Collaborating Centre for Epidemiology, ha anche discreditato l’epidemia di influenza suina definendola «campagna angosciante», sopra i toni, spacciata con la complicità delle principali aziende farmaceutiche per gonfiare a dismisura i guadagni dei produttori di vaccini.

    Come riferito da Mike Adams di Natural News, numerosi componenti del comitato di esperti che hanno fornito la consulenza all’OMS durante l’allarme per l’influenza suina, ricevevano soldi dagli industriali farmaceutici, sia prima che durante «l’epidemia».

    In tutto il pianeta la somministrazione del vaccino H1N1 è stata abbinata all’influenza stagionale con conseguenza di numerosi effetti collaterali incrociati quali la Sindrome di Guillain-Barre e la distonia, un disturbo neurologico.

    Il vaccino influenzale stagionale è stato anche ricollegato a convulsioni e ad altri disturbi nei bambini sotto i 5 anni.

    Molti lotti del vaccino influenzale contenevano squalene e mercurio fra i propri ingredienti, due sostanze che sono state collegate direttamente con l’esplosione di casi di autismo fra i bambini, ma anche di altri disturbi.

    Componenti del governo e dell’apparato militare hanno avuto il privilegio di ricevere la somministrazione di vaccini privi di additivi e che non contenevano quindi nè squalene nè mercurio.

    La Cancelliera tedesca Angela Merkel ed i ministri del governo, insieme ai militarii tedeschi, sono stati fra i privilegiati che hanno avuto accesso a questa cosiddetta versione «amichevole» del vaccino.

    Al fine di eliminare il rischio di azioni legali conseguenza degli effetti collaterali causati dal programma di vaccinazione contro l’influenza suina, il governo USA ha fornito ai produttori di vaccini una immunità legale - preventiva - in bianco e ciò ovviamente prima della distribuzione dei lotti di vaccino.

    Paul Joseph Watson

    Fonte:http://www.infowars.com/

      La data/ora di oggi è Mar Nov 21, 2017 9:06 pm