Eugenio Siragusa forum

Facebook

Eugenio Siragusa forum

Eugenio Siragusa forum


    Ior, sequestrati 23 milioni di euro alla banca vaticana

    Condividere
    avatar
    Mirella
    Moderatore
    Moderatore

    Messaggi : 455
    Data d'iscrizione : 09.07.10
    Località : Siracusa

    Ior, sequestrati 23 milioni di euro alla banca vaticana

    Messaggio  Mirella il Mer Set 22, 2010 10:37 pm


    Tra gli indagati anche il presidente dell’Istituto. I pubblici ministeri contestano la violazione delle norme sul riciclaggio


    Ettore Gotti Tedeschi, presidente dell’Istituto per le Opere di Religione (Ior) e un altro importante dirigente della stessa banca vaticana sono indagati dalla procura di Roma per violazione del decreto legislativo 231 del 2007 che e’ la normativa di attuazione della direttiva Ue sulla prevenzione del riciclaggio.

    MANCANO ALTRI CINQUE MILIONI - La loro iscrizione e’ legata al sequestro preventivo, firmato dal gip Maria Teresa Covatta su richiesta del procuratore aggiunto Nello Rossi e del pm Stefano Rocco Fava ed eseguito ieri, di 23 milioni di euro (su 28 complessivi) che si trovavano su un conto corrente aperto presso la sede romana del Credito Artigiano spa. Nel mirino dell’autorita’ giudiziaria, sono finite due operazioni che prevedevano il trasferimento di 20 milioni alla JP Morgan Frankfurt e di altri tre alla Banca del Fucino. L’inchiesta della procura prende il via dalla segnalazione di una operazione sospetta da parte dell’Unita’ di informazione finanziaria della Banca d’Italia con sospensione della stessa operazione per cinque giorni lavorativi. Cio’ ha consentito al nucleo di polizia valutaria della Guardia di Finanza e alla procura di attivarsi.

    ANCORA NESSUNA PROVA – Il sequestro – e’ bene precisarlo – non e’ stato disposto perche’ c’e’ una prova di riciclaggio ma perche’, secondo chi indaga, e’ gia’ stato commesso, da parte dei vertici dello Ior, il reato omissivo della norma antiriciclaggio. L’articolo 55 del decreto 231 del 2007, infatti, punisce con la reclusione da sei mesi a un anno e con la multa da 500 a 5000 euro “l’esecutore dell’operazione che omette di indicare le generalita’ del soggetto per conto del quale eventualmente esegue l’operazione o le indica false”. E ancora, lo stesso articolo prevede l’arresto da sei mesi a tre anni con l’ammenda da 5000 a 50mila euro “dell’esecutore dell’operazione che non fornisce informazioni sullo scopo e sulla natura prevista dal rapporto continuativo o dalla prestazione professionale o le fornisce false”. Questa indagine e’ la prima iniziativa assoluta (da quando, nel 2003, la Cassazione ha attribuito alla giurisdizione italiana la competenza sullo Ior) che chiama in causa la banca vaticana e i suoi vertici.

    OLDIES BUT GOLDIES? - Già in un’altra occasione il nome dello Ior era stato accostato al riciclaggio. All’epoca si trattava diuna sorta di bacino finanziario che assicuraca flussi di denaro da e per i correntisti protetti dalla discrezione che caratterizza la finanza Oltretevere, transitano dal 2003 circa 60 milioni di euro all’anno. La procura ha aperto un fascicolo con l’ipotesi di reato che riguarda la violazione della legge 231 del 2007 che disciplina, per gli istituti di credito, una serie di norme antiriciclaggio, tra cui la trasparenza della titolarità, sul deposito di conti correnti. L’indagine è appena agli inizi e coinvolge i rapporti tra l’Istituto Opere di religione e Unicredit. L’istituto guidato da Alessandro Profumo si sarebbe quindi fatto da tramite, ereditando il ruolo di Capitalia. Si trattava di una inchiesta, coperta dal massimo riserbo, che riguarda secondo quanto si è appreso uno o più conti correnti, nella titolarità dello Ior, aperti in una filiale Unicredit di Roma. Depositi su cui sarebbero transitati almeno negli ultimi tre anni somme di circa 60 milioni di euro all’anno. La segnalazione della «non trasparenza» della titolarità dei conti correnti è stata fatta dall’Unità di informazione finanziaria, la struttura di «Financial intelligence» italiana della Banca d’Italia al Nucleo speciale di Polizia valutaria della Guardia di finanza che indaga su delega del procuratore aggiunto della Capitale Nello Rossi e del pm Stefano Rocco Fava. L’indagine della procura di Roma, per il momento senza indagati, mira a svelare la effettiva titolarità del conto aperto sulla filiale Unicredit di Roma e intestato all’Istituto opere di religione.


    fonte:http://www.giornalettismo.com/

      La data/ora di oggi è Mar Nov 21, 2017 9:10 pm