Eugenio Siragusa forum

Facebook

Eugenio Siragusa forum

Eugenio Siragusa forum


    LO SPOT ATOMICO FINTO-NEUTRALE

    Condividere
    avatar
    Federico
    Amministratore
    Amministratore

    Messaggi : 647
    Data d'iscrizione : 09.07.10

    LO SPOT ATOMICO FINTO-NEUTRALE

    Messaggio  Federico il Ven Gen 07, 2011 4:46 pm

    LO SPOT ATOMICO FINTO-NEUTRALE

    Campagna da 6 milioni di euro pagata dalla lobby delle centrali




    Gli antinuclearisti hanno reagito rabbiosamente. Altro che spot neutrale, protestano. Chicco Testa, presidente del Forum nucleare italiano, ironizza sulle critiche attirate dalla massiccia campagna pubblicitaria per una discussione senza pregiudizi sull’energia atomica: “Qualcuno sostiene che aver dato gli scacchi bianchi al filonucleare comunica in modo subliminale che quella è la parte migliore”. Testa ha ragione. E’ inutile analizzare i contenuti visivi e testuali di uno spot televisivo per capire da che parte tira. Si fa molto prima a guardare chi lo paga. E così si scopre che, in un Paese dove l’opposizione è accusata di ostacolare la regolare attività di governo, qualcuno considera normale che la lobby nucleare si tassi per affidare a se stessa l’informazione equilibrata da dare al popolo. Testa conosce l’argomento. L’Enel l’ha scelto per sanare i danni gravissimi da lui stesso prodotti alla cultura nucleare nazionale negli anni ‘80, quando guidava le manifestazioni per fermare le centrali. E’ lui che il 9 novembre 1987, deputato comunista, così commentava l’esito del referendum nucleare: “Il risultato è di grandissimo interesse politico. La battaglia è stata dura per i grossi interessi in campo”. Adesso evidentemente non ci sono più interessi in campo. Forse i 6 milioni stanziati per la campagna pubblicitaria sono disinteressati. E così, con la mente libera di spaziare senza pregiudizi nelle ampie praterie della conoscenza, l’ex leader antinucleare inonda tv e giornali con lo spot che invita a informarsi in modo serio, senza stare a sentire le assurdità propalate dai suoi successori di Legambiente LO SPOT, creato dalla Saatchi & Saatchi così velocemente da andare in onda prima che il Forum nominasse il comitato scientifico che doveva approvarlo, rappresenta una partita a scacchi tra un favorevole e un contrario al nucleare, che sono poi la stessa persona, a rappresentare il dubbio che è in noi. Il dubbioso ha il nero, però muove per primo: “Sono contrario all’energia nucleare perché mi preoccupo per i miei figli”. Apertura generica. Il bianco replica mostrando conoscenze specifiche: “Sono favorevole perché tra cinquant’anni non potranno contare solo sui combustibili fo s s i l i ”. E con i combustibili fossili, che tutti i telespettatori hanno imparato a enumerare fin dalle elementari, i figli sono sistemati. Lo spaesato ci riprova: “Ci sono dei dubbi sulle centrali”. E’ ancora generico e disinformato, e il granitico lo infilza di nuovo: “Ma non ce ne sono sulla sicurezza”. E passa la paura. Terzo tentativo: “Il nucleare è una mossa azzardata per il Paese”, ci riprova l’ignorante. “O forse è una grande mossa”, insinua l’ottimista con il tono di chi sa a chi chiedere le dritte per vincere in Borsa. La voce neutrale dell’arbitro chiude lo spot: “E tu sei a favore o contro l'energia nucleare? O non hai ancora una posizione?”. Inutile qui ricordare i commenti diffusi nella Rete sui gradi angolari della posizione che lo spot suggerisce (subliminalmente) al cittadino. IL CASO dello spot finto neutrale solleva un problema più generale. L’informazione equilibrata e obiettiva sul nucleare, gestita dal Forum di Chicco Testa, è finanziata (fino a oggi per 7 milioni, mentre il budget 2011 è ancora in fase di definizione) dalle seguenti aziende, in ordine alfabetico: Alstom, Ansaldo Nucleare, Areva, Confindustria, Eon, Edf, Edison, Enel, Federprogetti, Gdf Suez, Sogin, Stratinvest Ru, Techint, Technip, Tecnimont, Terna, Westinghouse. Tra i soci del Forum ci sono anche Cisl e Uil di categoria, più alcune Università italiane. I dirigenti del Forum sono, oltre a Chicco Testa, Bruno D’Onghia (capo in Italia dell’Edf, gigante elettrico nucleare francese), Karen Daifuku (nota lobbista internazionale del settore), e tre dirigenti Enel: Giancarlo Aquilanti, Paolo Iammatteo e Federico Colosi. L’associazione è fondata sul “supporto organizzativo e strategico” della Hill & Knowlton, multinazionale della comunicazione. Testa, che non disdegna mai la polemica, replica alle critiche degli antinuclearisti con una provocazione: “Mi diano sui loro siti lo stesso spazio che noi diamo a loro sul nostro Forum”.

    Fonte

    Governanti, scienziati, religiosi
    e uomini di cultura della Terra!

    "A suo tempo, tramite lo stesso mezzo,
    vi avevamo concesso un preciso, inequivocabile, avvertimento sul
    pericolo che incombe sulla sopravvivenza dell’umanità a causa della
    proliferazione delle centrali nucleari e di quanto riveste
    caratteristiche similari.
    Sappiamo quanto prepotente ed incosciente sia la forza speculativa che
    continua a voler ignorare tale nostro avvertimento, accelerando sempre
    più un condizionamento egoisticamente deleterio mirante ad anteporre la
    sopravvivenza dei popoli all’effimero interesse del potere di mortali
    ricchezze.
    Vogliamo sperare che i fatti successi vi abbiano data l’esatta
    cognizione di quanto potrebbe verificarsi in un prossimo immediato
    futuro se continuerete in questi folli progetti, ignorando il grave
    rischio a cui state andando incontro con piena coscienza.
    È bene che sappiate che molto presto il vostro pianeta subirà serie
    convulsioni geodinamiche di notevole portata e con conseguenze
    imprevedibili che riguarderanno, particolarmente, un dissesto molto
    vasto della superficie dei continenti della Terra. Il previsto
    raddrizzamento dell’Asse Magnetico del vostro pianeta sarà la causa
    principale di tale dissesto.
    Gli edifici delle centrali nucleari verrebbero, inevitabilmente,
    distrutti e con essi tutti quegli strumenti con deterrente nucleare
    apparentemente sicuri e ben nascosti.
    La liberazione consequenziale delle vibrazioni mortali, non lascerebbero
    la minima possibilità di sopravvivenza sul vostro pianeta per molti
    millenni.
    Crediamo di aver fatto il nostro dovere prospettandovi le previsioni a
    noi ben note, conoscendo vicende similari avvenute su altri pianeti
    abitati e governati dalla scienza senza coscienza così come avviene sul
    vostro pianeta.
    Abbiamo un piano ben preciso per porre in salvezza un numero di persone
    di ambo i sessi destinate a miglior destino, se si dovesse verificare il
    non ravvedimento.
    Per il momento non possiamo riferirvi altro.
    Quanto è successo, succede e succederà, forse vi renderà pienamente
    consapevoli di quanto ci sforziamo per farvi seriamente meditare,
    dedurre e determinare. A voi la scelta".

    Woodok dalla "Cristal-Bell"
    11 giugno 1979 ore 20,00


    Fonte



    _________________

    "Nessuno è più schiavo di colui che si ritiene libero senza esserlo." (Johann Wolfgang Goethe)


    Scarica Skype e chiamami gratis.

      La data/ora di oggi è Gio Ott 19, 2017 2:37 pm