Eugenio Siragusa forum

Facebook

Eugenio Siragusa forum

Eugenio Siragusa forum


    Gli Esseri della Stella Blu... all'infuori del Tempo

    Condividere
    avatar
    Caterina
    Super Member
    Super Member

    Messaggi : 288
    Data d'iscrizione : 23.07.10
    Età : 49
    Località : Pedara - Tarderia (Ct)

    Gli Esseri della Stella Blu... all'infuori del Tempo

    Messaggio  Caterina il Sab Feb 26, 2011 11:19 pm




    Egli è il Signore di Sirio (Corano, sura 53, 49)


    Federico Bellini nell’articolo “Alieni dal pianeta blu” ("X Times" n. 25), ritrae la razza aliena degli Umanoidi. L’autore, sulla base del suo vissuto di rapito, delinea un ritratto che, per molti versi, combacia con le descrizioni di contattati e contattisti, altresì non scevre di addentellati con la tradizione su Sirio.




    Circa gli alieni provenienti dal sistema ternario di Sirio, l’autore scrive: “Luogo d’origine degli Umanoidi è l’unico pianeta roccioso di questo sistema a poco più di quattro unità astronomiche da Sirio A […] Non molto dissimile dalla Terra, anche se più grande di almeno tre volte, questa somiglianza è durata fino a qualche migliaio di anni fa, quando vi erano ancora terre emerse. Poi, a seguito di cambiamenti climatici e geologici, il pianeta è diventato completamente acquatico e gli Umanoidi sono intervenuti nel ripristinare intere zone asciutte. Data la sua posizione e la particolare luce emessa da Sirio A e da Sirio B, il pianeta è definito blu. Di questo colore intenso sono invasi l’atmosfera ed il mare che ricopre la superficie. […] Tutte le forme di vita del pianeta sono nate e si sono sviluppate all’interno degli oceani: la stessa razza umanoide è acquatica. […] Da quest’unico essere acquatico originario, una volta diventato terrestre, si sono formate ben cinque diverse stirpi. Tutte queste razze si sono poi evolute non solo per un processo naturale, ma anche per forti ingerenze artificiali e modificazioni genetiche”.

    I Siriani sono, stando a Federico Bellini, esseri dalle sembianze simili a quelle dei Terrestri: la loro pelle è diafana, delicata, gli occhi chiari, le teste allungate sono incorniciate da capelli biondi, biondo-castani o rossi. All’aspetto efebico si abbina un temperamento equilibrato ai limiti della freddezza, la capacità di coniugare un’inclinazione per le scienze e la tecnologia con uno spirito mistico.

    Il quadro delineato dal ricercatore è il frutto di un collage costruito, usando le informazioni degli ufologi e dei clipeologi o una convergenza indipendente, visto che le notizie su Sirio e sui suoi abitanti sovente collimano con quanto ipotizzato da vari studiosi e riferito da diversi testimoni e retaggi?

    Da osservare che Bellini, pur all’interno di un orientamento malanghiano e comunque un po’ contraddittorio, se ne discosta per aver rilevato le qualità spirituali della progenie siriana, nonostante essa sia al centro di interferenze anche piuttosto importanti.

    Sono notevoli e gravide di conseguenze alcune asserzioni del Nostro che scrive:
    “Gli Alieni umanoidi sono parenti lontani della razza umana nonché i responsabili della nostra creazione. Possiedono la mappatura genetica dettagliata dell’umanità, tanto che sanno distinguere gli esseri umani da scegliere per i rapimenti da quelli che vanno scartati”.

    Queste rivelazioni si collegano, fra gli altri, ad alcuni resoconti dei Pueblo, tribù nativa americana conosciuta anche come Hopi.

    “Negli ultimi anni alcuni nativi americani hanno iniziato a diffondere conoscenze ed eventi più recenti che li hanno visti protagonisti e che si collegano alla storia del loro popolo. Robert Morning Sky nel suo libro ‘The Terra Papers. The hidden history of Planet Earth’ ('I documenti della Terra. La storia segreta del pianeta Terra', inedito in Italia), ha suggerito una sua interpretazione della storia dell'uomo. Egli racconta di come sei giovani Hopi il 13 agosto 1947, un mese dopo il presunto crash di Roswell, furono testimoni del ritrovamento di un U.F.O. precipitato e di un alieno superstite. Essi recuperarono l'essere e lo curarono, dandogli il nome di "Stella Maggiore", in onore del suo pianeta d'origine. In cambio di questo, l'alieno raccontò agli Hopi la vera storia del pianeta Terra.

    Il nonno di Robert Morning Sky sarebbe stato uno dei sei giovani testimoni dell'evento e riferì di come l'umanità non sarebbe nata in modo naturale, ma che fu creata per servire i Katchinas. L'uomo venne creato come schiavo e lavoratore, milioni di anni fa: era un animale che venne modificato geneticamente. Robert Morning Sky afferma che se oggi abbiamo coscienza ed esperienza lo dobbiamo proprio a questo intervento esterno. I concetti sin qui espressi si legano con quanto affermato da Zecharia Sitchin circa la Genesi sumera e gli Anunnaki. Un'ulteriore affinità tra le conoscenze pellerossa e le tradizioni sumere, studiate da Sitchin, è osservabile quanto gli Hopi asseriscono circa un particolare corpo celeste, Kachina Na-ga-shou. Tale stella dovrebbe apparire alla fine di questo ciclo (i Pueblo, come i Maya, dividono l'età della Terra in cicli: quello in cui viviamo è il quinto); si tratta di un astro molto luminoso dall'aspetto blu e con "una croce sul viso". Nibiru, secondo Zitchin il dodicesimo pianeta del Sistema solare, era rappresentato dai Sumeri con il simbolo della croce.

    Secondo Morning Sky, la razza dei Katchinas della stella blu, che milioni di anni fa avrebbero colonizzato l'intero Sistema solare, provenivano dalla Stella del Cane, ovvero Sirio. Prima di abbandonare il pianeta, "i maestri delle stelle" lasciarono tracce impresse nelle rocce del Grand Canyon sotto forma di impronte a sei dita, impronte che gli Hopi hanno sempre associato ai Katchinas della stella blu".

    Future ricerche ed esperienze potranno confermare o smentire in tutto o in parte le rivelazioni sulla Stella del Cane e sui suoi presunti emissari.

    Fonti:

    Autore non indicato, Gli esseri stellari nei miti e nelle leggende, 2010
    F. Bellini, Alieni dal pianeta blu, 2010


    Interessante articolo che ho trovato in rete... a volte le "fantasie dei bimbi" non sono proprio fantasie... chi ha orecchie per intendere...


    avatar
    Antonio
    Super Member
    Super Member

    Messaggi : 349
    Data d'iscrizione : 13.08.10
    Età : 55
    Località : Vellisca-CUENCA-ESPAÑA

    Re: Gli Esseri della Stella Blu... all'infuori del Tempo

    Messaggio  Antonio il Dom Feb 27, 2011 11:36 pm

    Solo voleva commentare una cosa in relazione alla attività e VITA degli Soli, y per corrispondenza della attività delle Esseri Solari che gli abitano.

    Sirio, antica ma molto anticamente, era di una altro colore. Era di colore ROSSO. Cosí viene narrato nei antichi testi Egipziani, studiati dalle Greci.

    Saluti, un bel testo. cheers
    avatar
    Caterina
    Super Member
    Super Member

    Messaggi : 288
    Data d'iscrizione : 23.07.10
    Età : 49
    Località : Pedara - Tarderia (Ct)

    Re: Gli Esseri della Stella Blu... all'infuori del Tempo

    Messaggio  Caterina il Sab Mar 05, 2011 3:29 pm

    Antonio ha scritto:Solo voleva commentare una cosa in relazione alla attività e VITA degli Soli, y per corrispondenza della attività delle Esseri Solari che gli abitano.

    Sirio, antica ma molto anticamente, era di una altro colore. Era di colore ROSSO. Cosí viene narrato nei antichi testi Egipziani, studiati dalle Greci.

    Saluti, un bel testo. cheers

    Sicuramente sarà così anche perchè in astronomia una stella raggiunge l'apice della sua evoluzione quando è una gigante rossa sino poi a collassarsi in una nana bianca... ma visto che i miei ricordi ogni tanto sbiadiscono (purtroppo qui su questo pianeta il tempo è la ns. spada di Damocle Wink ) ho voluto cercare ed ecco qui l'evoluzione di una stella:

    Come Nasce una stella ?
    La vita di una stella nasce quando una grande quantità di gas disperso nello spazio, prevalentemente idrogeno, si concentra e si aggrega a causa dell'attrazione gravitazionale tra le particelle. Gli atomi di gas in questo modo collassano ed entrano tra loro in continue collisioni sempre più frequenti e veloci. Questo fenomeno genera un progressivo innalzamento della temperatura che accelera sempre maggiormente gli urti, sino a quando gli atomi, invece di rimbalzare, si fondono tra loro formando elio. La reazione è simile a quella che si innesca in un esplosione di una bomba all'idrogeno. La stella comincia perciò a risplendere. Questo processo dura molto tempo e si mantiene con la combustione dell'idrogeno. Inizialmente una protostella è di colore bianco. Poi, mano a mano che l'idrogeno si consuma e si forma l'elio, la stella si espande sempre più e diventa di colore giallo o rosso: è diventata una gigante rossa. A volte il processo di ingrandimento, a seconda della massa iniziale, può continuare generando una supergigante.


    Come Muore una stella ?
    Il destino di una stella dipende dalla sua massa. Se è limitata si consuma fino a collassare trasformandosi in una nana bianca che continua a risplendere a causa del calore residuo di quando costituiva il nucleo della stella. Col passare del tempo si raffredda sino a diventare una nana nera che, progressivamente, si spegne. Oppure, se la massa è sufficientemente grande, la stella può spegnersi in una rapida esplosione - che può durare da poche ore a pochi giorni - generando una nova (cioè apparentemente una nuova stella).
    A volte l'esplosione è tale da generare una supernova, un'esplosione luminosissima, visibile anche in pieno giorno per alcune settimane. Queste esplosioni possono proiettare nello spazio quantità di materia tali da generare le stelle a neutroni, dal diametro piccolissimo ma con una gravità anche 100 miliardi volte superiore a quella terrestre. E' per esempio il caso delle stelle pulsar che ruotano su se stesse sino a 30 volte al secondo.
    Altre volte il collasso di una stella è tale che la materia si concentra e comprime in uno spazio ridottissimo, generando un'attrazione gravitazionale così forte da inghiottire ogni cosa, compresa la luce. E' nato in questo modo un buco nero, un fenomeno unidirezionale che permette alla materia e alla luce di entrare ma da cui non è possibile uscire.

    (Fonte:http://library.thinkquest.org/C0118900/stelle/vita.htm)
    Adoro il Cielo quindi visto che sono stata sempre una Creatura curiosa del mondo che mi circonda ho voluto indagare...
    avatar
    Antonio
    Super Member
    Super Member

    Messaggi : 349
    Data d'iscrizione : 13.08.10
    Età : 55
    Località : Vellisca-CUENCA-ESPAÑA

    Re: Gli Esseri della Stella Blu... all'infuori del Tempo

    Messaggio  Antonio il Dom Mar 06, 2011 8:50 pm

    Cara Caterina, una Stella non è altro che un Olimpo. È la "casa" degli Esseri Dei.
    Ma sul campo scientifico anche la scienza moderna (certamente questo non parla mai, o quasi mai) ha delle prove che le stelle, non si comportano come loro hanno pensato....cio'è in questa "essistenza lineale", nascita, madurità, morte.
    Hanno venuto a conoscere (ora non dispogo dei dati essati ma domani potrà essere che sì)che ci sono tantissime tipi di stelle, e che fanno un percorso per questa linea di vita solare, che a volte, una stella si trova nella sua fase finale, cio'è ROSSA e diventa BIANCA.

    Cercerò tutti i dati che ho, li tradurrò e vi lo mostrerò perche veramente evidenziano che la scienza conosce molto di più.

    Un abbraccio cara Caterina e grazie per la tua bella aportazione nella comprensione di questi "Ghiandole Galattiche" che emettono energía Vita. cheers sunny kiss

    Contenuto sponsorizzato

    Re: Gli Esseri della Stella Blu... all'infuori del Tempo

    Messaggio  Contenuto sponsorizzato


      La data/ora di oggi è Sab Nov 18, 2017 8:29 am